venerdì 17 aprile 2015

Day #3 - Dimenticanze

Stavo giusto pensando a cosa dedicare il post di quest'oggi, visto che mi ero praticamente dimenticata di doverlo fare, ma non trovavo argomenti in così poco tempo, quindi.. PERCHE' NON PARLARE PROPRIO DELLE DIMENTICANZE?

Non so se sia una questione di memoria breve, di pigrizia o semplicemente di distrazione, ma io tendo veramente tanto a dimenticare le cose. E' una cosa che mi fa arrabbiare, perchè di base sono una persona MOLTO precisa e che ama fare le cose con ordine, provo proprio un senso di goduria nel fare cose come la lista dei "to do", programmi della giornata, segnarmi tutte le commissioni con i relativi dettagli su un'agendina...

Ma poi me ne dimentico. Mi dimentico di tutto ciò che inizio, indipendentemente dall'interesse che ho verso la cosa che stavo facendo.. Quindi diciamo che in realtà VORREI essere precisa e ordinata, ma il mio cervello non ce la fa ._. E non capita solo con le cose che devo fare, mi dimentico persino di periodi della mia vita, e non cose banali come "chissà cos'ho mangiato ieri sera", ho proprio dei VUOTI lunghi mesi se non anni... MA E' NORMALE? E' UNA MALATTIA?

Poi invece passo dall'altro lato, ovvero riesco a ricordare cose di tantissimo tempo fa, per esempio il primissimo ricordo che ho è di quando ero piccolissima, dentro al classico lettino a sbarre per i bambini, e mi ricordo TUTTO. Ricordo tutto l'arredamento della mia cameretta, dettagli come la trama delle coperte, il maglioncino blu a trecce che indossavo, il tessuto del lampadario, ciò che sentivo in quel momento e ciò che facevo. Infatti ero in piedi aggrappata alle sbarre, al buio, che chiamavo mia madre perchè avevo sete, ma non riusciva a sentirmi perchè stava litigando con mio padre nell'altra stanza... SEMBRA UN RICORDO TRISTE MA IN REALTA' NON MI FA NESSUN EFFETTO.. Me lo ricordo e basta. Poi mi ricordo esattamente tutte le mille paure stranissime che avevo quand'ero piccolissima, di alcune ne avrò già parlato ovunque, ma ad esempio: le crystal ball, i palloncini neri, i vestiti con gonne molto ampie e a più strati, il lampadario di camera mia, la Baby Mia che tenevo a dormire con me per ingraziarmela di modo che non mi uccidesse, Emilio il Meglio che non ho mai avuto perchè la sola pubblicità mi faceva piangere, le donnole, le puzzole, le auto coi vetri oscurati.. TANTISSIME COSE CHE NORMALMENTE NON FANNO PAURA A NESSUNO. Secondo me avevo un qualche tipo di trauma o malattia mentale.

Beh ma comunque resta curioso il fatto di come possa essere possibile che io mi ricordi certe cose risalenti a miriadi di anni fa, e come invece mi dimentichi persino come sono vestita in questo momento. E' una sensazione strana, perchè in realtà le cose che ricordo potrebbero non essere mai successe, per esempio io ricordo con chiarezza la casa dove vivevo (ci ho vissuto pochissimo) e il salotto che nessuno usava mai. Mi ricordo di una mattina che stavo per andare a scuola, e guardando nel salotto ancora buio, c'erano tantissimi palloncini neri che stavano a mezz'aria, ho idea che fossero di una mia festa di compleanno di qualche giorno prima, ma non vedo perchè i miei genitori avrebbero dovuto essere così stronzi da riempire la casa di palloncini neri. SCUSA EH.. Ma è una sensazione strana, è come quando vi ricordate di alcune scene di un film, senza ricordare i volti dei protagonisti e senza ricordare il titolo, avete solo alcune scene nella testa e vi sembra di avere una campana di vetro intorno perchè non riuscite a ricordarlo così chiaramente anche se vorreste.

..Boh oddio mi sa che sto straparlando, il discorso è andato a finire in trip mentali che è meglio chiudere qui. PERO' SAREI CURIOSA DI SAPERE SE SUCCEDE ANCHE A QUALCUN ALTRO...

Per il momento, direi che ci sentiamo domani.

2 commenti

  1. Io ho una memoria d'acciaio per quanto riguarda cose frivole, invece dimentico con una facilità impressionante cose importanti che dovrei ricordare benissimo.

    Gli orrori di una memoria selettiva.

    RispondiElimina
  2. Non capirò mai come funziona.

    RispondiElimina

© Fly me to the Moon
Maira Gall